Incontro con l’autore

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someoneShare on LinkedInPin on Pinterest

Caso editoriale dell’anno: l’autore da centomila copie vendute ha solo 19 anni.

Giacomo Mazzariol racconta la storia della sua vita.

18 ottobre ore 10:30, aula magna dell’istituto Alberti zeppa di studenti del triennio, l’autore ritarda.

Gli studenti della 4ªA Sia improvvisano la presentazione del contenuto del suo libro. Segue la visione del video che gli ha procurato notorietà.

Il cortometraggio dal titolo “The simple interview”, mostra un bambino con la sindrome di Down, il fratellino dell’autore, alle prese con un colloquio di lavoro.

Le risposte e le reazioni del bambino alle domande poste dal intervistatore creano nella sala attenzione e commozione tra i giovani.

Silenzio impressionante, anomalo per ragazzi adolescenti. Nell’aula buia illuminata solo dalla luce dello schermo arriva improvvisamente l’autore.

All’istante l’attenzione focalizzata sul video si sposta sul giovane scrittore: figura umile di un ragazzo che in brevissimo tempo ha conquistato un’inaspettata notorietà.

Con un linguaggio semplice e giovanile è da subito riuscito a coinvolgere l’intera sala, trasmettendo valori, aspetti culturali ed esperienze che hanno contribuito alla sua formazione.

L’autore parla del suo libro come “Non un libro sulla sindrome di Down, parola che citerò sì e no 5 volte in tutte le 170 pagine, ma su mio fratello e su di me che cerco di scoprire chi sia Giovanni, quale sia il suo mistero.”.

Il libro racconta innumerevoli episodi della vita quotidiana della famiglia Mazzariol in modo ironico, visti con gli occhi di un ragazzino, intersecati ad aspetti della vita di Giovanni, influenzata dal suo essere “speciale”.

“Ma ciò che è diverso forse è il nostro modo di affrontarlo, il modo di rapportarci a lui, cerchiamo di vincere i facili stereotipi, proviamo a metterci nei suoi panni nei suoi pensieri nei suoi occhi.”.

E solo  nel momento in cui riusciremo a farlo, a guardare attraverso i suoi occhi, vedremo una realtà diversa: un mondo in cui la guerra si può  vedere in una donna che mangia un gelato da sola, vedremo tutto in una nuova prospettiva e solo allora potremmo rincorrere i dinosauri.

Il libro di Giacomo parla di tutto questo, un mondo meraviglioso che si scopre poco a poco, pagina dopo pagina. Un mondo che ti commuove, ti fa ridere e ti fa riflettere. Un mondo diverso eppure così reale.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on TumblrEmail this to someoneShare on LinkedInPin on Pinterest

Lascia un commento